SUCCESSO PER LE SERATE DI AUTODIFESA

(Da Savonanews)

Mercoledì 13 si è conclusa la seconda delle due giornate conoscitive gratuite sul mondo dell'autodifesa femminile organizzate presso il palazzetto dello sport di Tovo San Giacomo dalla A.S.D. Krav Maga Parabellum di Loano e dal Dojo Shinken di Tovo della Polisportiva del Finale Ligure.

Hanno partecipato a questo evento circa trentacinque donne, che si sono cimentatei in tecniche basilari di difesa personale e all'analisi di comportamenti e azioni atte a diminuire considerevolmente la possibilità di incorrere in situazioni potenzialmente di rischio.Il Maestro Roberto Vidimari, affiancato dall'istruttrice Silvia Puppo hanno impegnato le partecipanti proponendo tecniche di Aikido, senza tralasciare gli aspetti meditativi alla base di questa nobile arte marziale.Per la K.M.P. erano presenti, l'istruttore e presidente Davide Carosa con tecniche di Krav Maga e l'inserimento di azioni difensive con l'utilizzo di oggetti di uso comune come:giornali;bottigliette;penne ecc.,L'istruttrice Mental Coach Barbara D'Alessandro ha evidenziato l'importanza di reperire quelle energie site in ognuno di noi per poi utilizzarle nella gestione di queste particolari situazioni, infine l'istruttore Massimiliano Pulito ha sottolineato il significato di determinazione e di consapevolezza di se stessi e di chi possiamo trovarci di fronte.

Il successo di questa proposta conoscitiva nasce dalla sinergia che queste due scuole hanno ormai instaurato da tempo, lavorare e impegnarsi per un obiettivo comune porta ad analizzare questa problematica con approcci si diversi ma con mentalità ed energie comuni, creando un ambiente carico di positività da cui le partecipanti possono attingere.Le allieve hanno potuto cimentarsi in queste semplici tecniche grazie alla collaborazione di alcuni studenti maschi iscritti alle scuole organizzatrici e non solo, nell'ultima giornata due allievi provenienti dal Centro Arti Marziali di Loano di Sifu Massimo Altobelli hanno donato del loro tempo per vestire i panni da possibili aggressori , sottolineando ancora una volta che la collaborazione e l'impegno tra associazioni sportive può e deve esistere sopratutto su argomenti così delicati e di importanza sociale.

Commenti

Post popolari in questo blog

BENVENUTO DON ALESSIO!

IL TERREMOTO DEL 23 FEBBRAIO 1887

ELEZIONI EUROPEE 2014: COME SI VOTA