TESTAMENTO BIOLOGICO

Indicare in anticipo i trattamenti medici che ciascuno di noi intende ricevere o rifiutare in caso di incapacità mentale, di incoscienza o di altre cause che impediscano di comunicare direttamente ed in modo consapevole con il proprio medico. 

Presto anche i cittadini di Tovo San Giacomo potranno avere questa importante possibilità: la Giunta ha infatti approvato l’istituzione del registro del testamento biologico e relativo regolamento.

In Italia esiste un vuoto normativo sulla materia: la Costituzione Italiana dice che la libertà personale è inviolabile e la Carta dei Diritti Fondamentali della UE sancisce che il consenso libero ed informato del paziente all'atto medico è considerato come un diritto fondamentale del cittadino afferente. Allo stato presente però non esiste una legge ufficiale e il registro biologico permetterebbe appunto di colmare il gap.

Una volta istituito i cittadini avranno la possibilità, dopo l’iscrizione, di manifestare la propria volontà, in anticipo, sui:” trattamenti terapeutici o di sostegno cui non vuole essere sottoposta in caso di malattie o traumatismi cerebrali che determinino una perdita di coscienza, definibile come permanente ed irreversibile”.

Nel testamento biologico, infatti, la persona può descrivere le sue volontà per quanto riguarda il fine-vita, la donazione degli organi, le funzioni religiose ed il rito funerario, la cremazione, la tumulazione del proprio corpo e l’eventuale dispersione delle ceneri.

Commenti

Post popolari in questo blog

BENVENUTO DON ALESSIO!

IL TERREMOTO DEL 23 FEBBRAIO 1887

CITTADINANZA ONORARIA AL SOPRANO RENATA SCOTTO