COMUNICATO STAMPA SULL'UNIONE DEI COMUNI

A seguito delle dichiarazioni dell'arch. Luca Folco, capogruppo di minoranza a Tovo San Giacomo, si dichiara quanto segue:

L'amministrazione di Tovo San Giacomo ha lavorato da sempre, in maniera concreta ed attiva, per la nascita di un’unione dei comuni in Val Maremola.

Tovo è stato l’ideatore ed il capofila nel 2013 del progetto Ma.Sca.Bo. per la realizzazione di progetti che possano partecipare ai Programmi comunitari 2014/2020 che comprende anche i comuni di Pietra Ligure, Borgio Verezzi e Giustenice, ha inoltre organizzato, insieme ad Anci Liguria, il primo incontro ufficiale sull’unione a giugno 2014 ed ha partecipato attivamente a tutte le riunioni preparatorie della scorsa estate. 

Anche nell'incontro pubblico del 23 ottobre scorso dove veniva presentato ai cittadini il progetto dell'Unione dei comuni di vallata (Tovo, Pietra Ligure, Borgio Verezzi, Giustenice e Magliolo) è la più limpida prova del lavoro che l'amministrazione di Tovo San Giacomo ha portato avanti in ultimi due anni. 

Il fatto che poi l'unione della Val Maremola non si sia realizzata non è certo dipeso dall'amministrazione tovese. 

A novembre, insieme agli altri comuni, anche dinanzi ai pressanti obblighi di legge che prevedevamo l’associazione di tutte le funzioni entro fine 2014, si è deciso di creare l'Unione della Riviera delle Palme e degli Ulivi e si è continuato a lavorare concretamente per la sua nascita e sviluppo. Lo si è fatto sempre con entusiasmo, partecipazione e volontà di fare. 

Di fronte alla presenza di oggettive difficoltà - le stesse tra l’altro che erano emerse durante il dibattito consiliare sullo statuto - che mettevano a rischio la bontà del progetto stesso e soprattutto il raggiungimento degli obiettivi che erano alla base dell’unione (migliorare i servizi ai cittadini), non certo a cuor leggero, abbiamo ritenuto necessario con gli altri sindaci della Val Maremola di ripensare ad un'unione più snella e collegata al territorio, di ritornare al progetto originario.

Comprendiamo, come gruppo di maggioranza di Tovo San Giacomo, la necessità e la legittimità politica dell'arch. Folco, de facto portavoce e reale capogruppo sia di Progetto Futuro sia di Uniti per Tovo (i due gruppi di minoranza), di voler esprimere la sua opinione sull'argomento, ma eviti per lo meno di far trasparire l'idea dell'Unione di vallata come quella delle minoranze Tovesi e si limiti a “fare le corna” (come dallo stesso dichiarato) dove probabilmente riesce meglio, forse.

Commenti

Post popolari in questo blog

BENVENUTO DON ALESSIO!

IL TERREMOTO DEL 23 FEBBRAIO 1887

CITTADINANZA ONORARIA AL SOPRANO RENATA SCOTTO